Sei qui: Home Periodicità Fatturazione e Consumo Stimato

Periodicità di Fatturazione e Consumo Stimato

Stampa  Scritto da Webmaster    Mercoledì 26 Novembre 2014 08:05

NUOVE DISPOSIZIONI INERENTI LA PERIODICITA' DI FATTURAZIONE E CONSUMO STIMATO

Delibera AEEGSI 655/2015/R/idr del 23/12/2015 - Delibera AEEGSI 218/2016/R/idr del 05/05/2016

A seguito della Delibera AEEGSI 655/2015/R/idr, sulla regolazione della qualità contrattuale del Servizio Idrico Integrato, nella sezione Titolo IV articoli dal 35 al 39 dell'Allegato A, il gestore è tenuto ad emettere un minimo di bollette nell'anno (art. 38.1) differenziato in funzione dei consumi medi annui relativi alle ultime 3 (tre) annualità come di seguito specificato:


CONSUMI

NUMERO BOLLETTE

PERIODICITA'

 0 - 100 mc/anno 2 semestrali
101 - 1000 mc/anno 3 quadrimestrale
1001 - 3000 mc/anno 4 trimestrali
superiori a 3000 mc/anno 6 bimestrali

I consumi medi annui delle UTENZE CONDOMINIALI sono stati determinati riproporzionando il consumo medio annuo totale per le unità immobiliari sottostanti (art. 38.2).

Il Consorzio al fine di distribuire le bollette agevolando maggiormente la propria utenza, fatturerà tutti i clienti con consumi medi annuali da 101 mc a 3000 mc con fatturazioni trimestrali in ACCONTO e la successiva a SALDO/lettura effettiva dove rilevata.

Si ricorda che le fatturazioni semestrali a SALDO/lettura effettiva saranno emesse fino alla lettura effettiva, dove rilevata, e CONSUMO STIMATO a fine del mese di lettura.

 

METODOLOGIA DI CALCOLO DEI CONSUMI STIMATI DELIBERA 655/2015

FINO ALLA FATTURAZIONE DEI CONSUMI LETTI A SETTEMBRE 2017 (4a zona fatturata il 25 e 26 ottobre 2017)

I consumi stimati sono calcolati utilizzando il Consumo Medio Annuo (di seguito CMA) calcolato sulla base dei seguenti dati a disposizione per l’utenza a cui si riferisce:

• presenza sulla fornitura di letture reali relative agli ultimi 3 anni dalla data riferimento consumi (per il primo consumo stimato è stato considerato il CMA del triennio 31/07/2013 - 31/07/2016)
• qualora sulla fornitura non siano presenti letture reali degli ultimi 3 anni saranno utilizzate quelle a disposizione riferite agli ultimi 2 anni
• qualora sulla fornitura non siano presenti letture reali degli ultimi 2 anni saranno utilizzate quelle a disposizione riferite a 1 anno
• laddove non si ricada nei precedenti casi (nuovo utente da attivazione e/o voltura), sarà utilizzato il CMA previsto per la categoria di appartenenza del servizio (utenze domestiche = media CMA di tutti gli utenti domestici, ecc)

Per le utenze condominiali, i consumi medi annui devono essere determinati rapportando il consumo medio annuo totale con le unità immobiliari sottostanti (concessioni e/o numero alloggi)


METODOLOGIA DI CALCOLO DEI CONSUMI STIMATI DELIBERA 218/2016 art.10-11

DALLA FATTURAZIONE DEI CONSUMI LETTI A OTTOBRE 2017

(5a zona fatturata il 27 e 28 novembre 2017)

I consumi stimati sono calcolati utilizzando il Consumo Medio Annuo (di seguito Ca) calcolato sulla base dei seguenti dati a disposizione per l’utenza a cui si riferisce:

1) presenza sulla fornitura di letture reali relative ALL'ULTIMO ANNO dalla data riferimento consumi

2) in caso di nuovo utente da attivazione e/o voltura, sarà utilizzato il Ca previsto per la categoria di appartenenza del servizio (utenze domestiche = media Ca di tutti gli utenti domestici, ecc)

alt



alt

Ultimo aggiornamento: Lunedì 04 Dicembre 2017 15:10